Consigli di YouTube per i video Shorts

Video shorts YT: le domande degli utenti

Se sei un lettore abituale del mio blog, ricorderai che proprio qualche settimana fa ho parlato degli shorts, ovvero il nuovo formato video breve di YouTube.

Se invece è la prima volta da queste parti, benvenut*! Ti lascio qui l’articolo in questione così puoi leggerlo con calma, se vorrai.

In sostanza sono video della durata massima di 60 secondi, su cui la piattaforma sta puntando molto.

Pensa che in media ottengono 30 bilioni di visualizzazioni giornaliere.

FAQ sui video shorts di YouTube

Ciò che sta cercando di fare YT, anche grazie ai video brevi, è dare ai suoi content creators tanti modi diversi di esprimere la propria creatività e sviluppare il proprio lavoro.

Proprio per questo Pierce Vollucci, che è un product manager a YouTube, ha deciso di rispondere alle domande più frequenti che gli arrivano circa gli shorts.

Analizziamo insieme le sue dichiarazioni e i suoi consigli.

Se ho sempre pubblicato video lunghi e ora comincio a fare shorts sono penalizzato?

Risponde Vollucci: “Abbiamo fatto delle analisi tra canali che propongono solo video lunghi e altri che invece caricano sia video lunghi che brevi e coloro che utilizzano gli shorts in realtà tendono a crescere più velocemente“.

E’ chiaro che la voglia degli utenti di consumare video shorts è una tendenza che non scomparirà.

Il formato breve sta crescendo esponenzialmente, ecco perchè YouTube ha deciso di investire nello sviluppo di strumenti mobile che permettessero la loro creazione in modo semplice.

Cosa suggerisci ai creators di video lunghi che vogliono approcciarsi agli shorts?

La possibilità di creare e sperimentare con questi due tipi diversi di contenuti video, è una delle caratteristiche peculiare di YouTube adesso” dice Vollucci.

Ed ancora: “Vogliamo offrire ai creators una gamma di formati video che possono utilizzare per poi capire quali sono più adatti per ognuno di loro“.

Alla fine tutto si ricollega ad un’aspetto fondamentale: la sperimentazione.

Gli utenti amano i contenuti che li intrattengono e sono questi che verranno suggeriti e consigliati, ma ogni spettatore ha gusti differenti, così come ogni creator ha competenze specifiche.

YT consiglia di provare e testare soluzioni diverse e poi continuare a pubblicare il tipo di contenuto che performa meglio, anche in base alla audience a cui ci si rivolge.

Se gli utenti guardano i miei shorts, gli saranno raccomandati anche i video lunghi?

Vollucci afferma: “Non tutte le persone che guardano gli shorts sono le stesse che guardano altri tipi di contenuto più lunghi. Il nostro team sta lavorando per migliorare il sistema affinché possiamo garantire la massima qualità della user experience per tutti “.

Quando e come si decide se aprire un nuovo canale a parte solo per i video brevi?

“Cerca di raggruppare i tuoi canali intorno ad audience simili a cui piacciono gli stessi contenuti. Separali invece quando i tuoi utenti hanno interessi totalmente differenti” è questo il consiglio generale da parte di YouTube.

All’algoritmo serve un determinato numero di uplaod prima che il canale abbia successo?

Pierce Vollucci è molto chiaro al riguardo: “No. Ad ogni short viene data la possibilità di successo, al di là del numero di video presenti su un canale“.

E conclude: “Il livello di performance degli shorts dipende dal fatto che gli utenti decidono di guardarli e non saltarli quando li trovano nel feed. La crescita dell’engagement non avviene istantaneamente, ma gradualmente con il tempo“.

Riflessioni conclusive

Ritengo sia sempre molto interessante avere input diretti dall’interno, da coloro che lavorano allo sviluppo di una piattaforma social.

E’ anche un modo per essere trasparenti e gestire al meglio i dubbi che a volte possono crearsi all’interno delle proprie community.

Se anche tu come me utilizzi YouTube, spero che questo articolo ti sia stato utile.

Se vorrai mi trovi sul mio canale dove ogni lunedì alle 14:30 pubblico un nuovo video e parlo di Instagram, social media e digital marketing. A presto!

Condividi su: