Come scrivere la descrizione dei post per Instagram

Come scrivere la descrizione dei post per Instagram
Monetizzare la tua passione è possibile!

Partecipa al Webinar (GRATIS) “La notte degli Oscar”, dove ti condivido le migliori strategie per crescere su Instagram e guadagnare dalle tue passioni!

Tutti siamo in grado di scrivere una frase di senso compiuto ma quando dobbiamo preparare le descrizioni dei post o dei reel è fondamentale utilizzare il copy per Instagram in maniera strategica.

La didascalia di un post o il copy di un Instagram reel vanno sfruttati per convertire, per trasformare le persone in utenti fidelizzati e clienti.

Nel corso di questo articolo analizzeremo insieme:

  • Le 2 tipologie principali di didascalia;
  • La struttura che deve avere la didascalia;
  • Come creare il copy per i diversi formati di contenuto: post classico, carosello, reel.

Se ogni volta che devi preparare la descrizione dei tuoi contenuti Instagram non sai mai cosa scrivere, questa guida contiene dei consigli pratici che puoi cominciare ad utilizzare fin da subito!

Instagram caption: perché è importante scriverla correttamente

Gli esseri umani sono creature visive. La maggior parte delle persone impara ed apprende attraverso l’immagine, ma ce ne sono tante altre che invece a livello cognitivo usano la lettura, quindi le parole, per elaborare le informazioni. 

Se ci concentriamo solamente sugli aspetti visuali, tralasciando da parte il testo che accompagna i contenuti che pubblichiamo, ci precludiamo la possibilità di catturare l’attenzione di una fetta di pubblico.

La descrizione (denominata anche caption) svolge un ruolo cruciale per due motivi:

  • ci aiuta a raggiungere le persone che prediligono il testo per la comprensione dei concetti;
  • ci aiuta a controllare a cosa pensano le persone quando vedono le immagini o i video che condividiamo.

Spesso si pensa che su Instagram gli elementi fondamentali di un contenuto siano soltanto una bella foto o un video in alta definizione, non rendendosi invece conto di quanto sia importante la componente del testo nella descrizione dei post o dei reels.

Certo la prima cosa che gli utenti vedono è l’aspetto grafico, ma è attraverso la didascalia che imparano a capire veramente chi siamo e che possiamo offrire un valore aggiunto.

Attraverso il copy bisogna veicolare i valori del proprio brand o personal brand perciò ti consiglio di non puntare sulla viralità a tutti i costi o seguire i vari trend del momento ma piuttosto crea contenuti che rinforzino la tua identità e che aiutino la tua audience a risolvere un problema o soddisfare un bisogno specifico.

La soglia di attenzione delle persone online è molto bassa e se non catturiamo subito il loro interesse, andranno altrove.

Scrivere bene non è sufficiente: è necessario adottare un linguaggio chiaro e comprensibile per tutti.

Creiamo un messaggio che sia interessante e rilevante per chi lo legge, cercando di essere persuasivi (usare anche questi principi della psicologia, migliora la strategia di contenuto) in modo da invogliare il lettore a consumare tutto il contenuto e saperne di più.

Vediamo adesso a livello operativo come preparare la didascalia e strutturarla nella maniera più efficace.

Le tipologie di didascalia e la struttura del copy Instagram per reel e post

Esistono principalmente due tipologie di didascalia per Instagram:

  • Lunga: adatta solitamente per i post classici, ovvero quelli con foto singola;
  • Breve: adatta generalmente per i post carosello e gli Instagram reel.

La didascalia lunga si sfrutta nei post classici per aumentare il tempo di permanenza dell’utente su quel contenuto.

Instagram infatti per capire se un post è piaciuto o meno, e di conseguenza decidere se dargli più visibilità e mostrarlo a più persone, tiene sempre in considerazione il tempo che le persone trascorrono consumando un contenuto o guardando un post.

Per far sì che questo valore aumenti, scriviamo una didascalia lunga in modo tale che le persone debbano rimanere per leggerla tutta ed utilizziamo il testo per educare, ispirare, crescere o vendere.

La didascalia corta invece la usiamo perché il più delle volte un reel veicola già il messaggio principale all’interno del video stesso, così come i post carosello possono farlo attraverso le varie slides/immagini che lo compongono.

Ogni tipologia di didascalia ha una struttura specifica:

  • Struttura didascalia lunga: gancio, valore, call to action;
  • Struttura didascalia breve: gancio, chiamata all’azione, call to action.

Capiamo ora meglio cosa sono il gancio e la call to action, presenti sia nella caption lunga che in quella breve.

Il gancio

Per gancio si intendono i primi 125 caratteri che compaiono all’interno della didascalia prima che appaia la voce …altro.

Sono importantissimi perché determinano se l’utente continuerà a leggere anche il resto della caption oppure no.

Dobbiamo far capire fin da subito nella sezione di testo del gancio di cosa parla il contenuto e quale bisogno andrà a soddisfare o quale problema andrà a risolvere. 

Ad esempio puoi scrivere il gancio sotto forma di domanda: Vuoi sapere come fare ABC? 

Oppure puoi fare leva su un bisogno: Se vuoi far crescere il tuo profilo, non devi fare questo XYZ.

Call to action

La call to action, spesso anche abbreviata in CTA, è un invito all’azione da parte dell’utente, in cui gli diciamo esattamente quale azione vogliamo che compia.

Facciamo qualche esempio di cta che ha lo scopo di incentivare l’interazione del pubblico con il post ed aumentare l’engagement:

  • Salva il contenuto se ti è stato utile;
  • Seguimi per altri consigli;
  • Lascia un emoi se sei d’accordo;
  • Tagga un amico/a al quale potrebbe interessare;
  • Commenta qui sotto e ricevi il tuo regalo;
  • Condividi il post nelle tue storie;
  • Lasciami un like se ti è stato utile;
  • Mandami un DM per altri consigli.

In base alle tue esigenze e ai tuoi obiettivi, andrai a personalizzare le varie call to action. Puoi fare anche dei test per verificare a quale tipologia di cta i tuoi utenti rispondono meglio.

Come scrivere la descrizione dei post Instagram

Come dicevo all’inizio per i post classici generalmente è adatta la didascalia lunga con questa struttura:

  1. Gancio;
  2. Valore;
  3. Call to action.
Esempio Didascalia post classico su Instagram

Il gancio è il titolo scritto tutto in maiuscolo o una domanda che preannuncia il contenuto.

Io in questo post ad esempio ho scritto: COME CREARE UNA COMMUNITY FIDELIZZATA, andando ad anticipare al pubblico cosa troverà nel resto della didascalia.

Poi devi inserire il valore, ovvero la spiegazione concreta di ciò di cui parli: offri nel testo, in maniera approfondita e dettagliata, quello che hai promesso nel gancio.

Infine si aggiunge una call to action di interazione. Come ad esempio:

  • Salva questo contenuto se ti è stato utile;
  • Lasciami un like se ti è piaciuto;
  • Tagga un amico a cui potrebbe interessare.

Ricorda sempre di lasciare degli spazi tra una frase e l’altra così il testo è più scorrevole ed inserisci delle emoji per rendere più accattivante la didascalia su Instagram.

Come creare la didascalia dei post carosello per Instagram

Per i post carosello su Instagram la struttura della didascalia breve è così composta:

  1. Gancio;
  2. Chiamata all’azione;
  3. Call to action.

L’obiettivo principale è spingere le persone a compiere l’azione successiva.

Esempio Didascalia post carosello su Instagram

Nel gancio il titolo scritto in maiuscolo deve indicare il contenuto. Ad esempio io in questo carosello ho inserito 10 IDEE DI INSTAGRAM STORIES.

Nella sezione successiva della caption, inserisci una chiamata all’azione per invitare l’utente a proseguire il percorso. Un esempio potrebbe essere Scorri tutto il carosello, se vuoi scoprire come fare abc.

Poi aggiungiamo una call to action per interazione. Un’idea può essere Se ti è stato utile, salva il post per ritrovarlo in seguito.

Come creare il copy per gli Instagram reels

Per quanto riguarda i reel abbiamo visto precedentemente che solitamente si utilizza la descrizione breve, ma ci sono delle eccezioni in cui sfruttiamo anche il formato lungo.

La struttura da seguire allora in questi casi è:

  • Forma breve: call to action, nota bene.
  • Forma lunga: call to action, valore, nota bene.

Analizziamole meglio una ad una.

Didascalia Instagram reel breve

La call to action iniziale nei reels è fondamentale perché invoglia gli utenti ad agire immediatamente. Alcuni esempi da poter utilizzare:

  • Salva questo contenuto se ti è stato utile;
  • Ti è piaciuto questo contenuto? Salvalo per poterlo ritrovare in seguito;
  • Lasciami un like se vuoi vedere altri contenuti simili;
  • Se ti è piaciuto questo reel, condividilo nelle storie.

Sceglierai quella più adatta al contenuto che stai pubblicando.

Esempio Descrizione Instagram reel breve

Nella parte di didascalia dedicata al nota bene, si invitano le persone alla prossima azione, che è sempre rivolta alla vendita.

Io ad esempio come N.B. metto sempre i riferimenti al mio webinar gratuito ed invito le persone ad iscriversi cliccando nel mio link in bio.

Nel caso tu avessi un’azienda il tuo N.B. potrebbe essere ad esempio il rimando ad una promozione speciale in corso in cui inviti gli utenti a cliccare nel link in bio per approfittare dell’offerta.

Didascalia Instagram reel lunga

In casi eccezionali si può usare la didascalia lunga anche per i reels.

Questo succede quando non spieghi già nel video di cosa andrai a parlare, ma usi la caption per dare le informazioni importanti ed approfondire l’argomento.

L’obiettivo con la call to action iniziale quindi è incentivare l’utente ad andare a vedere cosa c’è scritto nella caption. Puoi usare ad esempio la frase Continua a leggere o Scopri.

Poi costruisci un elenco in cui dai più valore possibile attraverso ad esempio i consigli che offri al tuo pubblico.

Anche qui come per la didascalia breve, devi inserire sempre il nota bene, che è dedicato alla promozione del tuo servizio o prodotto, per agevolare la vendita.

Esempio Descrizione Instagram reel lunga
Conclusioni

Al giorno d’oggi per ottenere risultati su Instagram, e soprattutto mantenerli nel tempo, postare non basta. Bisogna pubblicare i contenuti giusti, con metodo e criterio. 

Come abbiamo visto in questo articolo, ogni componente del contenuto deve essere creata in ottica strategica: ciò che diciamo, come lo diciamo, come lo presentiamo.

Se vuoi capire davvero come dominare il gioco su Instagram e sfruttare al massimo questa piattaforma social, ti invito a partecipare assolutamente al mio nuovissimo webinar gratuito. Riserva ora il tuo posto gratis qui.

Sarà una serata di formazione dove ti svelerò la mia strategia per crescere su Instagram nel 2023 e 2024. Ti aspetto!

Potrebbe interessarti anche…

Condividi sui Social l’articolo

Approfondisci altri argomenti...