La mia storia: come ho lasciato un lavoro sicuro

Consigli pratici per lasciare il proprio lavoro

Oggi vado sul personale e voglio raccontarti come sono riuscita a lasciare il mio lavoro sicuro, in piena pandemia, per avviare la mia attività come libero professionista.

Credo sia un sogno nel cassetto per tanti ma molti aspettano o temporeggiano perché hanno paura di fare un salto nel vuoto, e lo capisco perfettamente, ma voglio darti alcuni consigli pratici su come raggiungere un livello di sicurezza e consapevolezza che ti permetterà di fare questo passo.

Budget di 6 mesi

Cosa vuol dire avere un budget di sopravvivenza di 6 mesi? Fai un resoconto di tutte le spese fisse che devi sostenere ogni mese: bollette, affitto, rata della macchina, le spese necessarie, più ovviamente un budget per gli extra per avviare il tuo business online e toglierti qualche sfizio. 

Una volta fatto il calcolo, chiediti: quanto denaro devo avere da parte per potermi staccare completamente, lasciare il lavoro e sopravvivere per 6 mesi? Mettiamo tu abbia 1.000 Euro come costi fissi mensili, allora dovrai avere 6.000 prima di poter dire ok, mi licenzio e mi concentro sul mio progetto.

Il passaggio successivo è cominciare a risparmiare una piccola cifra ogni mese, magari aprendo un conto online (ne esistono di gratuiti) o anche una carta prepagata, dove andare ad accumulare questi soldi. Puoi impostare ad esempio un bonifico automatico che ogni mese andrà ad accantonare la cifra che tu hai scelto.

Definisci le rinunce

Una volta che hai stabilito quanto devi risparmiare e come farlo, cerca di capire quali sono le rinunce che devi fare per poter realizzare il tuo progetto. Spesso molte persone dimenticano che ad ogni scelta corrisponde una rinuncia e bisogna fare i conti con la realtà. Il progetto per essere realizzato richiede tempo, impegno e sacrifici.

Io ad esempio avevo un lavoro che mi impegnava 5 giorni a settimana, quindi ho deciso di rinunciare ai weekend fuori perchè volevo e dovevo dedicarmi alla creazione della mia Instagram Pills Academy. Così come ho smesso di accumulare vestiti perchè ne avevo già a sufficienza e cedere ai capricci, per mettere da parte i soldi del mio budget dei 6 mesi.

Ricorda che sono comunque rinunce temporali, che ti darebbero magari una gratificazione immediata, ma non quella a lungo termine, ovvero non ti aiuteranno a raggiungere il tuo obiettivo che è ciò che veramente ti renderà felice. Rinuncia oggi per avere tanto altro domani!.

Gioca il tutto per tutto

Quando saremo arrivati ad avere da parte il gruzzolo che ci serve, dobbiamo avere la forza di provare davvero a realizzare il nostro progetto. Nel mio caso io ho mollato tutto nel momento in cui ho visto che c’era un riscontro, riuscivo effettivamente a monetizzare la mia passione e solo a quel punto ho lasciato definitivamente il mio lavoro sicuro.

Il consiglio è buttarti al 100% nel tuo progetto, testarlo, vedere come va e tirare le somme. Evita tutte le distrazioni, non fidarti di tutte le pubblicità che ti promettono di darti il business per diventare milionario il giorno dopo, non perderti, resta focalizzato/a. Se hai un obiettivo datti il tempo per vedere se effettivamente lo puoi raggiungere, non lasciarti scoraggiare dalla prima difficoltà che incontri.

Fai passare del tempo

Dopo 5-6 mesi dalla partenza del tuo progetto chiediti: si è evoluto? In che modo? Cosa posso fare per farlo evolvere ancora di più?. Fai questa revisione costantemente e tira le tue somme.

Se vedi che non ci sono stati miglioramenti allora stai sbagliando strategia, se invece hai avuto dei miglioramenti ma non sono stati esponenziali come credevi può essere normale, perchè magari hai appena iniziato o sei in una fase di transizione e stai ancora lavorando per qualcun altro perciò non hai tutto il tempo a disposizione.

Il mio consiglio è non cambiare la meta ma cerca di cambiare il processo. Se quello che stai facendo oggi non ti sta avvicinando a quello che è il tuo obiettivo finale, non continuare a fare sempre le stesse cose che continuano a non portarti risultati.

RIflessioni Conclusive

Una precisazione al termine di questa analisi dei passi da effettuare per riuscire a lasciare il proprio lavoro: ringrazio Francesco D’Eusanio, mio partner nella vita e nel lavoro, per le sue indicazioni che sono sicura potranno aiutare anche te.

Spero che la mia esperienza personale ti sia stata utile e magari ti possa dare anche la spinta per buttarti in qualunque progetto tu abbia in testa in questo momento. Ovviamente faccio il tifo per te! 

Condividi su: